Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Al via Automotoretrò, motori (anche elettrici) e gare per gli appassionati

di

La 39esima manifestazione per collezionisti e auto d’epoca in programma all’Oval e al Lingotto fino al primo maggio

Uno dei festival motoristici più importanti a livello nazionale ed europeo è pronto a tornare in pista dopo essere stato costretto per un anno fermo ai box a causa del Covid. E per farlo raddoppia la proposta, così da recuperare il tempo perso. Come? Unendo le due anime del mondo a due e quattro ruote: il collezionismo, con l’esposizione delle migliori vetture del passato, e l’adrenalina da competizione, con gare a tempo ed esibizioni di drifting.

Campioni in pista

A ospitare la 39esima edizione di Automotoretrò e Automotoracing saranno gli spazi del Lingotto Fiere e dell’Oval di Torino, a partire da oggi e fino a domenica primo maggio. «Dopo lo stop causato dalla pandemia siamo felici di essere ritornati con un appuntamento che da più di quarant’anni è nel cuore di tutti gli appassionati — spiegano gli organizzatori Beppe e Alberto Gianoglio, di Bea Srl — l’area esterna sarà il teatro di un grande spettacolo, con diversi piloti di fama internazionale che hanno accolto il nostro invito. Da Tony Cairoli (nove mondiali motocross) a Piero Longhi (due volte campione italiano). Ma questa sarà anche un’edizione che guarderà al futuro, grazie a una sezione dedicata alla mobilità elettrica a 360 gradi. Case come Mercedes-Benz, Honda e Volkswagen presenteranno le ultime novità della loro produzione». Sponsor principale dell’evento sono Autostandar e Sparco, che si aggiungono a un lungo elenco di enti patrocinanti: Regione Piemonte, Comune, Camera di Commercio, Fiva, Asi, Automobile Club Torino, Aci Sport, Aci Storico e Turismo Torino.

Oltre mille espositori

Grazie a loro appassionati e collezionisti (70 mila i visitatori nelle edizioni precedenti la pandemia di Covid) potranno toccare con mano le migliori vetture e mezzi a due ruote del passato, sportive e di serie, provenienti da ogni parte d’Europa e di diverse epoche. Sono previsti oltre 1.200 espositori, tra cui trovano posto stand dedicati ai modellini da collezione e ai ricambi originali. E in contemporanea negli spazi dell’Oval andrà in scena Automotoracing. Nel circuito esterno lungo un chilometro si terrà la «Grande Sfida», la challenge a inseguimento che quest’anno vedrà l’ingresso della specialità Gr Yaris. Otto piloti affronteranno la gara a tempo a bordo delle nuove Toyota dal dna sportivo, dotate del più potente motore a tre cilindri al mondo.

Torna il Trofeo Lady

Torna anche il Trofeo Lady, che vedrà sfidarsi otto campionesse di rally su Peugeot 208 R2B. Il circuito è stato studiato per essere ancora più emozionante e garantire la massima visibilità, con curve a gomito e chicane. E per la prima volta nella manifestazione ci sarà uno spazio dedicato all’arte. La mostra «Rivoluzioni», curata dal critico Luca Beatrice, ripercorrerà i cambiamenti storici e sociali attraverso veicoli iconici, protagonisti e spettatori delle grandi rivoluzioni. «Torino si conferma capitale mondiale del motorismo storico — aggiunge Alberto Scuro, presidente dell’Automotoclub italiano — non a caso il Piemonte è stata la prima regione a varare una legge che valorizza i veicoli d’epoca».
Orario di apertura 9-19, con biglietti a partire da 13 euro in caso di comitive (minimo 15 persone, entrata gratuita sotto gli 11 anni). Torino riaccende i motori. E si prepara dunque al grande show delle due e quattro ruote. Per la prima volta azionate anche dall’elettricità.

La newsletter di Corriere Torino

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Torino e del Piemonte iscriviti gratis alla newsletter del Corriere Torino. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui

27 aprile 2022 (modifica il 27 aprile 2022 | 21:14)

Fonte: torino.corriere.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *