Viva Italia

Informazione libera e indipendente

«Air Jordan, dal parqueta a icona del lifestyle»

«Considerato lo sportivo più amato di sempre, Michael Jordan, leggenda Nba sin dal debutto da rookie, oltre a essere considerato uno dei cestisti più forti mai esistiti, è anche un’icona del lifestyle.
È il 1984, Jordan ha da poco compiuto 21 anni ed è pronto a esordire in Nba con i Chicago Bulls. Secondo alcuni giornalisti sportivi è già pronto a entrare nella storia del basket, nonostante abbia appena firmato un contratto con una squadra che non aveva mai portato a casa un titolo. Inizialmente Michael aveva intenzione di firmare a tutti i costi per Converse, sponsor di giocatori del calibro di Magic Johnson e Larry Bird, o Adidas, che invece prediligeva per lo più gli sport individuali. La proposta di meeting con i dirigenti Nike non era assolutamente considerata nella testa di MJ, in quanto azienda ancora molto piccola e con poco spazio sul mercato, ma in qualche modo la madre e il manager riescono a convincerlo a dare ascolto alla proposta.
L’accordo prevedeva 250.000$ (cifra decisamente alta per Nike, che solitamente non superava i 100.000$ per un cestista) e una linea di scarpe da gioco create appositamente per lui, ma a determinate condizioni:

  1. Vincere il premio “Rookie of the Year”;
  2. Essere convocato all’All Star Game o un media punti minima di 20;
  3. La vendita delle scarpe avrebbe dovuto fruttare almeno 4milioni di dollari nei primi tre anni.

Durante il primo anno con i Bulls, MJ ottiene il premio “Rookie of the Year” e viene convocato all’All Star Game chiudendo la stagione con 28.2 punti di media. Le Air Jordan fruttano a Nike 70milioni di dollari nei primi due mesi. Al contrario del pensiero di molti, le prime Nike indossate da Jordan durante la sua prima stagione da rookie furono le “Air Ship”, facilmente confondibili con le Air Jordan 1 data la silouette molto simile, che furono anche denominate “banned” poichè una delle colorway scelte dal designer Peter Moore non rispettava le politiche della lega Nba. Nel 1985 vengono presentate al mondo le prime Air Jordan, dal semplice nome “Air Jordan 1”, che a distanza di 30 anni rappresentano la storia del lifestyle e, soprattutto, un pezzo da collezione dal valore di centinaia di migliaia di dollari. Create inizialmente per essere scarpe da gioco, le Air Jordan (che nascono dal soprannome di Michael in campo) diventarono ben presto iconiche nella cultura americana, soprattutto da quando MJ iniziò a indossarle durante le sue uscite pubbliche. Grande merito va sicuramente al designer Tinker Hatfield, che è riuscito ogni anno a creare una scarpa adattabile alla personalità di Jordan ma che, grazie al tipo di design scelto, è anche diventata parte della cultura streetwear. Oggi le Air Jordan sono ancora molto ricercate dagli appassionati, soprattutto i modelli detti “retro” (rifacimenti dei modelli indossati da MJ) e questo è il segno che Michael Jordan è ancora una delle personalità più importanti del mondo, sia come sportivo che come icona di stile».

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *