Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ahi Errani! Si ferma a due punti dal match, agli ottavi va Hsieh

Sara è salita 5-3 nel terzo set ma ha poi ceduto dopo due ore e 44 minuti di gioco. Domani in campo gli ultimi Fabio Fognini (contro De Minaur) e Matteo Berrettini (con Khachanov)

Si ferma a due punti dal match il sogno di Sara Errani di ritrovare gli ottavi di finale di uno Slam per la prima volta dal Roland Garros 2015. La tennista romagnola è stata superata per 6-4 2-6 7-5 dalla cinese di Taiwan Su Wei Hsieh al termine di una battaglia di 2 ore e 44 minuti che ha sancito l’eliminazione dell’ultima italiana rimasta in gara nel tabellone del singolare femminile dell’Open d’Australia.

La partita

—  

Un match combattuto, finito sostanzialmente in parità con 116 punti per parte, in cui la romagnola è stata a pochi centimetri dal successo. Grazie al break del settimo gioco del primo set, Saretta ha servito avanti 4-3, arrivando per due volte alla palla del 5-3, ma non è riuscita a dare la spallata decisiva all’avversaria. Così, dopo aver avuto per tre volte la palla del 5 pari, l’azzurra ha perso nuovamente la battuta nel decimo gioco dopo aver salvato cinque set point. A decidere la prima frazione la maggior mobilità della cinese che, senza più accettare in modo passivo gli scambi dal fondo, ha cercato di aprirsi gli angoli per togliere il pallino dalle mani della romagnola.

La reazione

—  

Nel secondo set la Errani ha giocato il tutto per tutto, prendendosi maggiori rischi, aggirando ancor di più la palla per colpire di dritto e mettendo alla corde l’avversaria che è andata sotto nel punteggio senza modo di reagire. Prima il 3-0 con un doppio break, poi la palla mancata del 4-0 fino alla conquista di un parziale giocato sempre con la massima attenzione e con la voglia di dimenticare le occasioni sprecate del primo set. Nel terzo set la spinta della Errani è proseguita con determinazione e coraggio.

L’occasione

—  

La romagnola è arrivata rapida alla palla del 5-2 che la Hsieh ha annullato con un rovescio vincente. Ma Sara ha saputo comunque arrivare a condurre per 5-3. Qui, sul 15-30, è stata per due volte a due punti dal match. Poi è arrivata una terza volta a due punti dal match quando ha servito per chiudere, sul 30 pari del decimo game. Ma anche in questa occasione non è riuscita a portare a casa il punto e la Hsieh ha chiuso la partita con un ottima rimonta sancita dal un parziale finale di 15 punti a 4. Rimane il rammarico per una vittoria che avrebbe consentito all’azzurra di ritornare tra le prime 100 giocatrici del mondo. Sara si dovrà accontentare di un salto di 28 posizioni in classifica fino al numero 106.

L’ultima

—  

Per l’Italia un bilancio, nel singolare femminile, sostanzialmente negativo con 3 vittorie e 5 partite perdute. Il record azzurro nel tornei rimangono i quarti di finale raggiunti nel 2002 da Adriana Serra Zanetti (battuta per 6-2 6-3 da Martina Hingis), nel 2011 da Francesca Schiavone (eliminata da Caroline Wozniacki per 3-6 6-3 6-3), nel 2012 da Sara Errani (fermata per 6-4 6-4 da Petra Kvitova) e nel 2014 da Flavia Pennetta (eliminata dalla Na Li per 6-2 6-2). Domani in gara gli ultimi due azzurri nel singolare maschile: Fabio Fognini è atteso dall’australiano Alex De Minaur, mentre Matteo Berrettini se la vede con il russo Karen Khachanov. In caso di vittorie per Fognini ci sarà un ottavo di finale contro Rafael Nadal e per Berrettini una probabile sfida con Tsitsipas.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *