Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Affondi bulgari per le gambe, cosa sono e come si fanno

L’allenamento dei muscoli delle gambe è di fondamentale importanza; gli affondi bulgari sono tra i migliori esercizi pensati per allenare bicipiti femorali e glutei

Gli affondi bulgari vengono spesso chiamati anche squat bulgari, sono uno degli esercizi pensati per sviluppare e rassodare la parte posteriore delle gambe e i glutei. Sicuramente non sono tra gli esercizi più semplice e, se eseguiti in maniera sbagliata, possono portare a gravi conseguenze soprattutto per gambe e schiena.  Stiamo parlando di un esercizio molto utile pensato per chi vuole rafforzare i muscoli e la tonicità delle gambe.

Erroneamente si pensa che gli affondi bulgari debbano essere svolti solo dalle donne, mentre in realtà è molto utile anche per gli uomini, che spesso sottovalutano l’importanza di un allenamento completo per le gambe. Eseguire bene una serie di squat andrà gradualmente a rinforzare i glutei e le inserzioni dei bicipiti femorali, portando grandi miglioramenti a tutti gli altri esercizi pensati per le gambe.

Come si eseguono gli affondi bulgari?

approfondimento

7 esercizi con bilanciere da fare a casa per allenare tutto il corpo

Anzitutto bisogna appoggiare il piede sulla panca; va bene anche quella classica dove si eseguono, ad esempio, le spinte. Poi bisogna portare avanti il piede opposto a quello poggiato in modo da consentire al ginocchio di restare perfettamente in linea con l’alluce durante tutto il movimento.

A questo punto bisogna abbassare il corpo piegando la gamba sulla panca mentre l’altra resta ferma. Dopo di che bisogna spingere verso l’alto sempre con la gamba sulla panca e mantenere la posizione per un secondo. L’esercizio è molto simile al movimento degli affondi classici ed è opportuno seguire una serie di ripetizioni pianificate cambiando gamba.

Questo tipo di movimento può essere abbastanza complicato soprattutto perché c’è il rischio di perdere l’equilibrio e farsi male. Per questo esiste anche una variante che viene chiamata affondi bulgari al multipower che implica l’uso di un bilanciere fisso che garantisce una maggiore stabilità. È una variante abbastanza fedele all’originale e che non ha indicazioni particolari; la scelta spetta solo all’esecutore nel caso in cui voglia un appoggio più stabile.

Affondi bulgari, l’allenamento delle gambe è essenziale

approfondimento

4 esercizi di defaticamento utili dopo l’allenamento

Come già detto, in molti spesso trascurano le gambe durante gli allenamenti. Esercizi come lo squat o gli affondi bulgari devono essere obbligatoriamente inseriti nella scheda di allenamento, altrimenti si rischia di non stimolare a sufficienza i muscoli della parte inferiore del corpo.

Esistono una grandissima varietà di esercizi del genere, per questo il suggerimento è di sceglierne diversi in modo da variare l’allenamento, divertendosi e senza trascurare gli arti inferiori che sono importanti tanto quanto quelli superiori.

Gambe toniche e allenate, oltre che esteticamente più belle, sono anche di grande aiuto per lavorare sul resto del corpo; non dimentichiamoci che durante molti esercizi (ma anche nelle attività quotidiane) il nostro peso viene sorretto proprio dalle gambe. Allenarle e rinforzarle a dovere durante le varie sessioni di allenamento, quindi, deve essere assolutamente una priorità.

Nel caso degli affondi bulgari, stiamo parlando probabilmente del miglior esercizio possibile per allenare bicipiti femorali e glutei, ed è adatto sia alle donne che agli uomini.

tg24.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *