Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Addio a Fabio Artesi, il fotoreporter torinese muore a 56 anni. Era ricoverato da novembre per coronavirus


Se ne va a soli 56 anni il fotoreporter Fabio Artesi, di Venaria Reale (Torino), ricoverato da novembre per coronavirus. Collaborava con varie testate, tra cui il quotidiano CronacaQui e il periodico Giallo, ed è stato promotore di molte iniziative benefiche sul territorio. Il mese scorso, dopo essere risultato positivo al Covid, era stato ricoverato a causa della polmonite che lo ha stroncato nella notte di Natale. La sua passione per il calcio, riferisce Torinotoday, lo aveva portato a fondare insieme ad alcuni colleghi la squadra dei giornalisti torinesi che negli ultimi anni hanno disputato partite per beneficenza. Lascia la moglie Simona e la figlia Sonia. Numerosi i messaggi di cordoglio provenienti dal mondo istituzionale e della stampa locale.

“Impossibile non rimanere sconvolti per tutti noi che abbiamo avuto il privilegio di conoscerlo. Un uomo meraviglioso, un padre e marito premuroso. Un amico per molti di noi oltre che un giornalista professionista capace di raccontare con passione le vicende del nostro territorio”, ha commentato il primo cittadino di Venaria Reale, Fabio Giulivi. “Non solo da sindaco, ma da persona che ha condiviso con Fabio momenti bellissimi, esprimo tutto il mio personale dolore. Alla figlia, alla moglie, a tutta la famiglia e ai colleghi sconvolti va il nostro pensiero. Ciao Fabio ci mancherai immensamente”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *