Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Acura RDX: caratteristiche, design, prestazioni, motori

Argomenti trattati

Divertente da guidare e dallo stile accattivante, l’Acura RDX 2023 rappresenta un valore di prim’ordine tra i SUV di lusso, a patto che si possa fare a meno dell’invidia per il marchio che BMW e Porsche offrono di serie.

Il quattro cilindri turbo della RDX è molto potente e la sua maneggevolezza è soddisfacente su una strada tortuosa, ma il cambio automatico a 10 rapporti e la sensazione del pedale del freno potrebbero essere perfezionati.

All’interno, l’Acura non è così elegante come la Genesis GV70 o la Volvo XC60, anche se è dotata di un livello simile di tecnologia e funzionalità. Anche considerando i suoi difetti, la praticità della RDX, il suo piacevole comportamento su strada e il prezzo orientato al valore la rendono una scelta valida, anche se un po’ fuori dagli schemi, tra i SUV compatti.

Acura RDX: caratteristiche, design, prestazioni, motori

Cosa c’è di nuovo per il 2023?

A parte un nuovo piano di manutenzione programmata gratuita di due anni e l’accesso gratuito al piano di connettività AcuraLink per tre anni, la RDX entra nel model year 2023 senza modifiche allo stile, alle caratteristiche o al gruppo propulsore. Acura offre la RDX in un unico allestimento, ma offre diversi pacchetti distinti per arricchirla.

Poiché la versione A-Spec è costosa e non offre alcun reale miglioramento delle prestazioni, noi rinunceremmo a questo pacchetto. Consigliamo invece di aggiungere il pacchetto Technology, che offre un sistema audio migliore, il navigatore, sedili in pelle più sofisticati e altro ancora. Chi desidera gli ammortizzatori adattivi e l’head-up display dovrà optare per il pacchetto Advance, che aumenta notevolmente il prezzo di listino.

Acura RDX design

Motore, trasmissione e prestazioni

Ogni RDX è alimentata da un quattro cilindri turbo da 2,0 litri da 272 CV, abbinato a un cambio automatico a 10 rapporti e alla trazione anteriore o integrale (o “SH-AWD” in gergo Acura). L’acceleratore della RDX è reattivo alle basse velocità e si allontana dai semafori con un’energia sufficiente per la maggior parte dei conducenti. Il cambio potrebbe essere più rapido nelle scalate di marcia, soprattutto quando il guidatore utilizza le palette al volante. Il motore turbo fa suonare la RDX un po’ come la NSX, con un ruggito acuto durante le accelerazioni più brusche, ma gran parte di questo rumore è artificiale e viene convogliato nell’abitacolo attraverso gli altoparlanti dell’impianto audio.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *