Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Aces Europe plaude alla candidatura di Schio Città europea dello sport 2023

Si è conclusa con una conferenza stampa la visita della commissione Aces Europe per esaminare la candidatura di Schio a “Città Europea dello Sport 2023”.

Guidata dal presidente di Aces Europe Gian Francesco Lupattelli, la commissione ha fatto visita alla città e agli impianti sportivi scledensi incontrando anche alcuni rappresentati delle oltre 100 associazioni sportive cittadine. Il centro natatorio e l’anello ciclabile di Campagnola, il Pala Romare di Viale dell’Industria, lo stadio di atletica di via Riboli, lo stadio da rugby “Nelson Mandela”, il campo da calcio De Rigo e Ca’ Trenta e il parco inclusivo di Magrè sono i luoghi che dello sport scledense che hanno accolto la commissione, accompagnata dall’Amministrazione Comunale. Non solo: la commissione Aces ha visitato anche il Billiards Box, uno spazio innovativo dedicato al gioco impostato in modo scientifico che si trova al secondo piano del Faber Box. 

 Sono state due giornate molto intense in cui abbiamo potuto illustrare ad Aces i numeri e le strutture che caratterizzano il mondo dello sport di Schio, mettendo in luce anche la promozione dei valori etici e inclusivi della pratica sportiva cittadina – ha afferma l’assessore allo sport Aldo Munarini -. La candidatura è stata possibile grazie al lavoro quotidiano realizzato negli anni da questa e dalle precedenti Amministrazioni per migliorare la qualità della vita della città attraverso il potenziamento degli impianti sportivi e l’attenzione verso le politiche attive riguardanti lo sport. Per ottenere questo prestigioso riconoscimento verranno valutati aspetti diversi fra loro che vanno dagli investimenti infrastrutturali passati e futuri allo sviluppo di una programmazione pluriennale dedicata alle iniziative di carattere sportivo fino all’attivismo delle nostre società. Verrà valutata anche la promozione del turismo sportivo nel territorio così come la presenza di spazi adatti per praticare lo sport all’aria aperta. Concorrere per questo titolo è un’occasione anche per incentivare nei cittadini il senso di appartenenza alla comunità e il miglioramento della salute attraverso lo sport. È stato possibile arrivare alla candidatura grazie a impegno, programmazione, risorse ed energie e proprio per questo ci auguriamo di poter ottenere il titolo di Città Europea dello Sport 2023 anche per dare un riconoscimento al lavoro portato avanti su più fronti dalle Amministrazioni che si sono succedute nel tempo e che hanno sempre creduto nello sport”. 

 Davanti alla Commissione Aces, infatti, Schio ha “difeso” ufficialmente la sua candidatura anche grazie alla presentazione di un video dal titolo “Schio crede nello sport” che racconta come anno dopo anno lo sport si sia integrato perfettamente nel territorio scledense e come sia in grado di plasmare positivamente la città, “parlando” forte e chiaro di inclusione e rispetto.  

 Il tempo a disposizione non ha permesso di poter mostrare altri impianti realizzati in questi ultimi anni come i 2 campi da calcio con fondo in sintetico di Poleo e Ca’ Trenta, la palestra di Giavenale e la nuova grande palestra sita nell’area Campus ormai a fine lavori, la bocciofila di via Urli, lo Skate Park che a breve sarà rinnovato e altri interventi che hanno caratterizzato la nostra Amministrazione fino a oggi. Il tutto però è stato presentato nei dialoghi che abbiamo avuto la possibilità di intrattenere coi referenti della Commissione al fine di ben illustrare quanto la città di Schio tenga allo sport e al mondo che lo circonda nelle sue diverse declinazioni. Sono di oltre 8milioni di euro gli investimenti destinati alle strutture sportive dal 2015 al 2020 e altri ne sono previsti per i prossimi anni – ha sottolineato il sindaco Valter Orsi -. Questo perché si riconosce fondamentale anche il ruolo sociale e inclusivo che lo sport ricopre nella nostra comunità. Il riconoscimento a cui ambiamo sarebbe un premio per il lavoro fatto e in divenire non solo per l’Amministrazione Comunale, ma per tutta la comunità sportiva che vive a pieno la nostra magnifica Schio”.

Ad affiancare nella valutazione Lupattelli, il delegato di Aces Italia Area Nord Enrico Cimaschi, il commissario Aces Mario QuintieroSabrina Gastaldi di Anci e Enrico Formicola presidente di Panathlon Schio-Thiene. 

A ricoprire il ruolo di madrina di Schio per il titolo di Città Europea dello Sport 2023 Raffaella Masciadri, pluricampionessa di basket femminile, presidente della Commissione Atleti del Coni: “Penso che Schio sia la città ideale per essere eletta come Città Europea dello Sport, perché ha cuore, passione, impegno. Quei valori ovunque riconoscibili che possono far fare anche alla realtà più piccola cose immensamente grandi” ha detto Masciadri. 

Presenti alla conferenza stampa anche l’europarlamentare Rosanna Conte e il presidente del Coni Veneto, Dino Ponchio.

IL VIDEO PER ILLUSTRARE LA CANDIDATURA DI SCHIO


Fonte: sportvicentino.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *