Viva Italia

Informazione libera e indipendente

911 Sport Classic: amarcord da collezione (VIDEO). – L’Automobile – l’Automobile

C’erano una volta gli anni ’60 e ’70: quelli del boom economico, la musica da Bob Dylan ai Rolling Stones, la minigonna di Mary Quant, l’uomo sulla Luna, il primo personal computer (il Commodore PET) e il Sony Walkman. Gli strascichi della dolce vita segnavano ancora le notti romane e sulle strade, non solo della Capitale, tra le protagoniste c’era anche lei: la prima Porsche 911, lanciata nel 1964, evoluta poi in diverse versioni, tra cui la 911 Carrera RS 2.7 del 1972.

Proprio a queste due vetture è ispirata la nuova 911 Sport Classic: secondo dei quattro modelli previsti da Porsche seguendo il programma Heritage Design. Un’auto imperdibile per i collezionisti, prodotta in sole 1.250 unità già ordinabili in Germania con un listino a partire da 272.714 euro, basta sulla scocca della attuale 911 Turbo e realizzata con il contributo del reparto Exclusive Manufaktur della Casa tedesca.

Finitura esterna esclusiva

La nuova 911 Sport Classic è subito riconoscibile per l’esclusiva finitura esterna Sport Grey Metallic, in alternativa alla quale sono disponibili le colorazioni Black, Agate Grey Metallic, Gentian Blue Metallic o Paint to Sample: tutte con stripes e grafiche laterali verniciate in Light Sport Grey e in opzione il porta numero sulle fiancate con una cifra da 0 a 99 personalizzabile.

Sulla carrozzeria, con il tetto a doppia gobba e dove sono state eliminate le prese d’aria laterali sostituite da canalizzazioni sulla coda, spiccano dotazioni come lo spoiler fisso a “becco d’anatra” (lo stesso della RS del 1972), i cerchi di lega monodado con sezioni nere (da 20 pollici all’anteriore e 21 al posteriore) che riprendono quelli Fuchs utilizzati in passato da Porsche, oltre loghi su cofano e ruote con la grafica del 1963.

Salotto di bordo personalizzato

Anche all’interno la nuova 911 Sport Classic offre uno stile dedicato nell’abitacolo. Il salotto di bordo, confezionato impiegando tappezzeria bicolore Black/Classic Cognac in pelle semi-anilina e inserti di tessuto Pepita per schienale e seduta e pannelli delle portiere, prevede diversi dettagli personalizzati: tra cui i battitacco ed i tappetini. Mentre la plancia è rifinita in legno Paldao a poro aperto e la strumentazione ha una finitura specifica bianca e nera del contagiri analogico e una grafica con cifre verdi per i display laterali.

La più potente 911 manuale

Per quanto riguarda la meccanica la nuova 911 Sport Classic impiega sotto all’esclusivo vestito un inedito propulsore 3.7 biturbo da 550 cavalli, con turbine a geometria variabile, collegato alle ruote posteriori tramite un cambio manuale a 7 marce con doppietta automatica e leveraggio accorciato. Il che ne fa la 911 con una trasmissione manuale più potente mai prodotta ad oggi da Porsche. Capace, a detta del costruttore, di prestazioni a metà strada tra una GTS e una Turbo, coadiuvate da un impianto di scarico sportivo e da una architettura sospensiva basata su quelle della 911 Turbo e 911 GTS con sistema Active Suspension Management (PASM) e un assetto ribassato per un’altezza da terra inferiore di 10 millimetri.

Reinterpretare modelli del passato

“Le vetture Heritage Design rappresentano i concetti più emozionanti della strategia di prodotto del nostro marchio, un approccio unico vede il dipartimento di design Style Porsche collaborare con Porsche Exclusive Manufaktur per reinterpretare iconici modelli e equipaggiamenti 911 dagli anni ’50 agli anni ’80 e per far rivivere le caratteristiche di design di quei decenni”. Porsche sta lanciando quattro auto in edizione limitata, la prima di queste è stata presentata nel 2020, la 911 Targa 4S Heritage Design Edition, e adesso è la volta della 911 Sport Classic”, ha detto Alexander Fabig responsabile del reparto Porsche Classic, ribadendo che ogni acquirente della vettura potrà acquistare anche un cronografo in edizione da collezione che ne riprende numerosi dettagli.

Fonte: lautomobile.aci.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *