Viva Italia

Informazione libera e indipendente

10 curiosità sul Tapiro di Striscia la Notizia

Oggi si festeggia la Giornata Mondiale del Tapiro, il mammifero con la proboscide che rischia l’estinzione e a cui Striscia la notizia ha dedicato un premio, in versione oro. Ecco 10 curiosità sul Tapiro più famoso della tv.

Il sondaggio

Il 26 novembre 1996 i conduttori Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti presentano ai telespettatori il Tapiro d’oro, premio istituito da Striscia la notizia per il personaggio pubblico più attapirato, ovvero talmente avvilito da avere un muso lungo come quello del tapiro. Viene lanciato un sondaggio per decidere chi lo merita. In gara l’allora premier Romano Prodi e il pm Alberto Cardino.

Il primissimo

Il primissimo Tapiro d’oro fu consegnato il 27 novembre 1996 dal Gabibbo al pm Alberto Cardino perché gli era stata tolta l’inchiesta Necci-Pacini Battaglia, spostata dalla Procura di La Spezia a quella di Perugia. Nel marzo 1997 il Gabibbo passò il tapiro/testimone a Valerio Staffelli.

Sputo d’autore

La prima statuetta consegnata dall’esordiente Valerio Staffelli non fu un Tapiro, ma un Lama d’oro a Pippo Baudo, il 14 marzo 1997, per uno sputo all’autore televisivo Paolo Taggi.

Top ten

1.379 i Tapiri d’oro consegnati. La più attapirata della storia è Belén Rodríguez (30), seguita da Rosario Fiorello (25) e Antonio Cassano (16). Nella top ten ci sono anche Barbara D’Urso (13), Antonella Clerici (12), Pippo Baudo (11), Emanuela Filiberto di Savoia (10) e, a parimerito con 9 tapiri, Bruno Vespa, Gigi Buffon e la Ferrari.

Quello gigante

Esiste una versione XL del Tapiro d’oro, per quando l’attapiramento è davvero enorme. A oggi sono stati consegnati 23 Tapiri giganti, di cui 2 gonfiabili. Il primo, il 2 febbraio 2000, toccò a Eugenio Scalfari, fondatore del quotidiano la Repubblica. L’ultimo ad Andrea Agnelli pochi giorni fa, il 22 aprile 2021, per la figuraccia mondiale della Super League. Il più famoso: la Tapiressa gigante con parrucca e rossetto, versione escort, al premier dimissionario Silvio Berlusconi (9 novembre 2011).

Presi male

Non tutti i Tapiri d’oro sono stati apprezzati. Quando lo portò al Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro (7 marzo 2000), Staffelli fu spinto e atterrato dalla scorta. L’allora governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio (16 ottobre 2003) incitò la sua scorta a picchiare il tapiroforo: «Dategli un po’ di botte!». Fabrizio Del Noce ruppe il naso all’inviato con una microfonata, causando un’infrazione delle ossa nasali (1° dicembre 2003). Indimenticabili anche le sfuriate di Vittorio Sgarbi (13 marzo 2002) e di Mike Bongiorno (26 settembre 2007): entrambi dal nervoso ruppero il Tapiro scagliandolo a terra.

Espatriato

Il Tapiro d’oro che ha percorso più chilometri (oltre 7.500 in linea d’aria) è stato consegnato il 17 ottobre 2005 ad Al Bano (la sua compagna Loredana Lecciso aveva dichiarato di volerlo lasciare) a Samanà, penisola sulla costa nord della Repubblica Dominicana, sede del reality L’Isola dei Famosi 3. Il Tapiro fu lanciato da un elicottero da Capitan Ventosa.

Total white

Il 16 aprile 2013 ha fatto il suo esordio il Tapiro immacolato, consegnato dall’inviato di bianco vestito Moreno Morello. Il primo a riceverlo fu Matteo Renzi, perché apostrofato da Pier Luigi Bersani e Anna Finocchiaro con epiteti (“qualunquista”, “indecente”, “miserabile” e “arrogante”) che avrebbero fatto impallidire chiunque.

Raggiri salati

Tre Tapiri di sale – in omaggio al “sale magico” utilizzato per i loro raggiri – sono stati consegnati a Vanna Marchi, Stefania Nobile e il Mago do Nascimento nel dicembre 2001. La Guardia di Finanza ha battezzato “Tapiro Salato” l’operazione iniziata con la denuncia di Striscia e sfociata nell’arresto di Vanna Marchi e di suoi cinque collaboratori.

L’origine biblica

Anche il Tapiro d’oro, come altre invenzioni di Striscia, ha un’origine biblica: «È la trasposizione dell’idolatrato Vitello d’oro», dice Antonio Ricci nel libro “Me Tapiro”. Tra l’altro, anche il titolo dell’ultimo libro del papà del Tg satirico è un omaggio al mammifero con la proboscide.

Fonte: lifestyleblog.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *